News
  • Registrati

a scadenza del 31 dicembre si avvicina: entro quel giorno, in tutti gli edifici con impianti centralizzati vanno installati i contatori di fornitura, sottocontatori e contabilizzatori (e le valvole termostatiche o termo valvole), a seconda della situazione. Il problema è che le ultime modifiche al Dlgs 102/2014, che fissava le regole al riguardo, sono state apportate molto a ridosso della scadenza, con il Dlgs 141/2016, in vigore dal 26 luglio 2016. Qualora il riscaldamento, il raffreddamento o la fornitura di acqua calda a un edificio siano effettuati tramite teleriscaldamento o tele raffreddamento, o tramite impianto centralizzato, è obbligatoria entro il 31 dicembre 2016, l'installazione di un contatore di fornitura (peraltro già presente in molti casi) in corrispondenza dello scambiatore di calore di collegamento alla rete o del punto di fornitura dell'edificio.

Per le stesse tipologie impiantistiche di cui sopra, e sempre entro il 31 dicembre 2016, a cura del proprietario dell'unità immobiliare, deve essere installato un «sotto-contatore» per ogni unità immobiliare, adatto a misurarne il consumo energetico. Per evidenti problemi tecnici, tale disposizione non è possibile negli edifici preesistenti con distribuzione cosiddetta “a colonna” in quanto su una stessa colonna sono allacciati apparecchi ricadenti su unità immobiliari poste su piani diversi dell'edificio.
Di fatto la norma specifica che «eventuali casi di impossibilità tecnica» per l'installazione dei sistemi di contabilizzazione o di inefficienza in termini di costi e sproporzione rispetto ai risparmi energetici potenziali, devono essere riportati nell'apposita relazione tecnica del progettista o del tecnico abilitato.
Contabilizzatori individuali
Nei casi in cui l'uso di sottocontatori non sia tecnicamente possibile o non sia efficiente in termini di costi e proporzionato rispetto ai risparmi energetici potenziali, si ricorre , a cura dei proprietari delle singole unità immobiliari , all'installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore individuali per quantificare il consumo di calore in corrispondenza di ciascun corpo scaldante (come il calorifero) all'interno delle unità immobiliari, secondo quanto previsto dalle norme tecniche vigenti, salvo che l'installazione di tali sistemi non risulti efficiente in termini di costi con riferimento alla metodologia indicata nella norma Uni En 15459.
Per stabilire l’efficienza economica si fa un confronto tra il denaro speso per realizzare l'installazione e gestione dei ripartitori (manutenzione, lettura eccetera) e quello risparmiato, calcolando una vita utile dei dispostivi che, mediamente, si assume in 10 anni.
La ripartizione spese
A prescindere dal sistema di contabilizzazione del calore, occorre sempre tenere conto delle “perdite di sistema”dovute a generazione, distribuzione, regolazione ed emissione. Il consumo stagionale è quindi dato da due termini: «volontario» della singola unità immobiliare e «involontario», o meglio perdita di sistema. Il consumo «volontario» potrà essere ricavato dalla lettura / registrazione dei dispositivi installati (sotto-contatore o ripartitori sui radiatori), mentre quello «involontario», in via presunta potrà essere calcolato, tenendo conto dei rendimenti dei singoli sotto-sistemi sopra elencati e poi, a consuntivo, ricavato dalla differenza tra la lettura del contatore di centrale e la somma delle letture dei sotto-contatori oppure delle indicazioni dei dispositivi installati nei radiatori.
Il Dlgs 141/2016 conferma il ricorso alla norma Uni 10200 per la suddivisione delle spese che si basa, semplificando, sui consumi effettivi. Tuttavia, precisa che, ove tale norma non sia applicabile o laddove siano comprovate, tramite relazione tecnica asseverata, differenze di fabbisogno termico per metro quadrato tra le unità immobiliari superiori al 50%, è possibile suddividere l'importo complessivo tra gli utenti finali, attribuendo una quota di almeno il 70% agli effettivi prelievi volontari di energia termica. Il restante 30% può essere ripartito, a titolo semplificativo e non esaustivo (dice la norma in modo un po’ vago), secondo i millesimi, i metri quadrati, o i metri cubi utili, oppure secondo le potenze installate.
Come fare il calcolo per determinare se esista questa differenza?
Si deve affidare l'incarico ad un professionista abilitato che, in una relazione asseverata, rilevi il fabbisogno energetico per metro quadro di tutte le unità immobiliari, ricorrendo alla norma UNI/TS 11300 parte 1 e 2. Si ritiene che debbano essere escluse dal calcolo le parti comuni diverse dalle unità immobiliari (come l' androne) e le unità non allacciate all'impianto termico. A questo punto si individuano l'appartamento con il fabbisogno a metro quadro più basso e quello con il fabbisogno più elevato.
Poi, chiamando FT il fabbisogno termico, si applica la formula(FTmassimo–FTminimo): FTmassimo. Se il risultato fosse superiore al 50%, si può disapplicare la norma UNI 10200. Per esempio: FTmassimo=100 e FTminimo=40. Quindi (100-40): 100=0,6. In questo caso, essendo il risultato superiore a 0,5, l'assemblea può disapplicare la 10200. Per la prima stagione termica successiva all'installazione dei dispositivi la suddivisione può anche essere fatta in base ai soli millesimi di proprietà. In ogni caso, le nuove modalità di ripartizione sono facoltative nei condomìni dove, al 26 luglio 2016, si fosse già provveduto a installare i dispositivi e a suddividere le spese.

Occasioni Immobiliari

k2.items.cache.f161864ed1912c868ff1efa92824c5e3_Lnsp-174 Termovalvole e contabilizzatori, le istruzioni per dividersi le spese tra condòmini  - Grimaldi Padova

Madonna pellegrina

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

In zona ben servita dai mezzi pubblici e da numerosi...

k2.items.cache.78a0d25d66495aee8f93072039e9f484_Lnsp-174 Termovalvole e contabilizzatori, le istruzioni per dividersi le spese tra condòmini  - Grimaldi Padova

Carmine

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

A pochi passe dalle piazze, in zona veramente ben servita...

k2.items.cache.b763b85d50b25efcb763280e8a1cc964_Lnsp-174 Termovalvole e contabilizzatori, le istruzioni per dividersi le spese tra condòmini  - Grimaldi Padova

Cadoneghe centro

Agenzia Immobiliare Grimaldi Cadoneghe

Splendido appartamento di ultima generazione al 1° piano su complesso...

k2.items.cache.9840d205bc781015b0b5096263dca71d_Lnsp-174 Termovalvole e contabilizzatori, le istruzioni per dividersi le spese tra condòmini  - Grimaldi Padova

Sacra Famiglia inizio

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

 In posizione tranquilla, a pochi passi da tutti i servizi...

k2.items.cache.b167b5db54b35bf57b1e841b25e3fe20_Lnsp-174 Termovalvole e contabilizzatori, le istruzioni per dividersi le spese tra condòmini  - Grimaldi Padova

Zona Termale

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

In elegante ed esclusivo quartiere residenziale, villa singola dagli ampi...

k2.items.cache.aa0e65c8e70919408fb51a1fce5c478e_Lnsp-174 Termovalvole e contabilizzatori, le istruzioni per dividersi le spese tra condòmini  - Grimaldi Padova

Città Giardino

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

In palazzo primi '900, a pochi minuti da  Prato della...

L'Esperto Risponde

Un consulente Immobiliare Grimaldi sarà a tua disposione per una consulenza gratuita. E' necessaria la registrazione sul portale grimaldinet.it

 

Newsletter Grimaldi

captcha 

Social

FacebookGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest

Login

Registrati

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
vendi-casa-page