News
  • Registrati

Finlandesi sulle colline fiorentine e canadesi in Liguria. Ma anche e soprattutto inglesi in Toscana e tedeschi nelle Langhe, come da tradizione. Sì, agli stranieri piace il mattone 'da vacanza' italiano, molto meno le conseguenze fiscali che ne accompagnano l'acquisto. A rivelarlo è l'ufficio studi di Confedilizia, la maggiore associazione della proprietà immobiliare, che ha condotto un sondaggio su un ampio campione di 466 proprietari esteri. Il 90% di chi ha comprato si dichiara soddisfatto: tuttavia, tra gli inconvenienti lamentati dai proprietari stranieri (era possibile dare più risposte) il Fisco risulta al primissimo posto: il 93% degli interpellati ritiene che sia troppo gravoso e complicato. Seguono poi il traffico, i rumori e l'inquinamento.
L'inchiesta è stata condotta in collaborazione con gli organismi europei (European property federation) e internazionali (Union internationale de la propriété immobilière), dove l'Italia è rappresentata da Confedilizia. 'Gli stranieri - dicono a Confedilizia - amano l'Italia e, anche se il mercato è in crescita, gli acquisti non calano. Una cosa però non la capiscono proprio: il nostro sistema di prelievo. E non solo per il peso, sono le assurdità del meccanismo a disorientarli'. Soprattutto quelle legate all'imposta comunale. Dice un neo proprietario: 'Dopo qualche tentativo mi sono risolto ad affidare tutte le faccende burocratiche a un consulente. E' stata soprattutto l'Ici, con tutti quei calcoli, a togliermi la voglia di occuparmene direttamente'.
L'inchiesta rivela, anzitutto, una netta prevalenza degli acquirenti tedeschi, francesi e inglesi, tradizionalmente amanti dell'Italia, ma con una cospicua rappresentanza delle altre nazioni. Consideriamo, comunque, che tra i 'Paesi non Ue' ci sono anche Svizzera e Stati Uniti, che fanno da sempre la parte del leone. Spesso gli acquirenti della stessa nazione preferiscono la medesima zona: così, oltre agli inglesi e ai (rari) finlandesi in Toscana, o ai tedeschi nelle Langhe, gli statunitensi privilegiano Roma e Venezia e gli svizzeri la Lombardia, mentre i francesi puntano (ovviamente) sulla Liguria, in compagnia dei canadesi.
Le vacanze sono largamente prevalenti tra le motivazioni all'acquisto, totalizzando il 59% delle risposte, ma anche la foresteria interessa quasi un acquisto su quattro. Poco entusiasmo c'è invece rispetto all'ipotesi di affittare l'immobile comprato: si dichiara 'non disponibile' il 91,3% del campione, soprattutto - ancora una volta - per gli oneri fiscali sulla locazione e per l'incertezza sulla solvibilità dell'inquilino.
Da segnalare anche le rilevazioni di Tecnocasa su Milano, una piazza dove invece compra solo chi ci lavora: nel primo semestre 2002 risultano effettuate da stranieri addirittura il 10% delle compravendite.
'In generale, però - dicono a Confedilizia - non si tratta di acquisti fatti per investimento. Prevale lo scopo abitativo, come per le case di vacanza. E quel 23% di foresterie è concentrato nelle grandi città, dove le mutinazionali trovano più conveniente questa soluzione del residence a cinque stelle'.

fonte: Il Sole 24 Ore

banner cavour2

Appartamento Centro Storico Chioggia

Occasioni Immobiliari

Vigodarzere centro

Agenzia Immobiliare Grimaldi Cadoneghe

  RESIDENCE BORGO ROMA Dall'unione della struttura IN LEGNO CEMENTO CON LE...

Centro Storico

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

In zona residenziale comoda, a pochi passi dalle splendide piazze...

Noventa Padovana (Oltrebrenta)

Agenzia Immobiliare Grimaldi Cadoneghe

  Splendida villa singola di ampia metratura sviluppata su 2 livelli...

L'Esperto Risponde

Un consulente Immobiliare Grimaldi sarà a tua disposione per una consulenza gratuita. E' necessaria la registrazione sul portale grimaldinet.it

 

Newsletter Grimaldi

Social

FacebookGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest

Login

Registrati

vendi-casa-page