• Registrati

Fili elettrici scoperti o che si staccano dai muri, prese poco
sicure, caldaie obsolete? Quali sono gli strumenti che il
locatario ha per tutelarsi contro un proprietario negligente?
Fili elettrici scoperti o che si staccano dai muri, prese poco sicure, caldaie obsolete? Quali sono gli strumenti che il locatario ha per tutelarsi contro un proprietario negligente? La norma a cui fare riferimento è la legge 46 del 1990 che pone l'obbligo generico di realizzare gli impianti a regola d'arte, riferita agli edifici costruiti dopo l'entrata in vigore della legge. Per quelli precedenti, invece bastano dei piccoli adeguamenti. Per l'impianto elettrico, ad esempio, il proprietario ha l'obbligo di dotarlo del salva vita (che costa circa 80 euro) e di sostituire le prese esistenti con quelle di sicurezza. L'ente preposto al controllo è il Comune e le sanzioni in caso di inadempimento sono molto salate (da 100mila euro). Se il proprietario non adempie il conduttore può richiedere formalmente (con una raccomandata) la messa a norma ed eventualmente provvedere egli stesso a farlo decurtando poi la spesa sostenuta dal canone di affitto. Attenzione però a farsi rilasciare la fattura dall'impiantista, necessaria per potersi poi rivalere sul proprietario. Anche in merito all'obbligo di manutenzione della caldaia l'inquilino può esigere dal proprietario la consegna della relativa documentazione. «In caso non lo facesse il conduttore può, dopo avergliela richiesta formalmente, provvedere a sue spese a ottenere il libretto da un impiantista e poi rivalersi sul proprietario decurtando il costo sostenuto dal canone». Il discorso è lo stesso anche nel caso di impianti centralizzati solo che in questo caso l'obbligo ricade sull'amministratore di condominio. «Se il proprietario si oppone alla decurtazione dal canone di affitto l'inquilino può denunciare l'omessa manutenzione ai vigili del fuoco o alle Asl che possono attivare le procedure sanzionatorie a carico del proprietario». Riguardo infine alla certificazione energetica, «essendo venuto meno l'obbligo di allegazione dell'attestato e la relativa sanzione di nullità dell'atto, salvo le disposizioni regionali che statuiscono diversamente , con legge 133 del 2008, rimane in capo al proprietario con il generico
obbligo di dotare l'edificio di un certificato

Palazzetto Terra-Cielo Padova

tour virtuale 360°

Occasioni Immobiliari

Pontevigodarzere

Agenzia Immobiliare Grimaldi Cadoneghe

In quartiere residenziale a due passi da tutti i i...

S. Osvaldo

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

In contesto resdienziale, porzione di bifamiliare ristrutturata nel 2002 con...

San bellino

Agenzia Immobiliare Grimaldi Padova

In posizione comoda ai principali servizi ed  in contesto di...

L'Esperto Risponde

Un consulente Immobiliare Grimaldi sarà a tua disposione per una consulenza gratuita. E' necessaria la registrazione sul portale grimaldinet.it

 

Newsletter Grimaldi

Social

FacebookGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest

Login

Registrati